Lo sherpa che conquistò l'Everest

Hillary e Norgay

Hillary e Norgay

Foto: Jamling Tenzing Norgay

Tenzing Norgay e Edmund Hillary, i primi conquistatori dell'Everest, sono qui fotografati nel giugno 1953 durante una visita all'ambasciata britannica di Kathmandu, la capitale del Nepal. Gli scalatori stavano partecipando a una mostra della squadra che li aveva aiutati a raggiungere il tetto del mondo poche settimane prima, il 29 maggio 1953.

Tenzing Norgay fu insignito della Medaglia dell'impero britannico dalla regina Elisabetta II; secondo alcune voci, la monarca avrebbe voluto nominarlo cavaliere come fece con Edmund Hillary, ma il primo ministro indiano rifiutò il permesso. Il fatto di essere stato il primo sherpa a mettere piede sulla vetta del mondo rese Tenzing Norgay una celebrità tra la sua gente e contribuì a far conoscere l'inestimabile lavoro di queste persone durante le spedizioni.

Nonostante le voci sull'intervento contro la sua nomina a cavaliere, il primo ministro indiano Jawaharlal Nehru lo ricevette in udienza e gli offrì un dono a sua scelta: Norgay chiese la costruzione di una scuola sherpa a Daarjeling, in India, da cui sarebbero usciti molti altri scalatori come lui.

Condividi

¿Deseas dejar de recibir las noticias más destacadas de Storica National Geographic?