Un ospedale di lusso

Ospedale di lusso

Ospedale di lusso

Foto: Pubblico dominio

Durante ogni grande guerra gli ospedali dei Paesi coinvolti subiscono un evidente aumento della loro attività. Sebbene sia una conseguenza prevedibile dello scoppio di una guerra, quando iniziò la Prima guerra mondiale (1914-1918), praticamente tutti gli ospedali arrivarono al collasso. Per far fronte alla necessità di spazi sempre più ampi per la cura dei soldati feriti, furono allestite delle corsie in edifici che fino ad allora erano destinati a tutt'altro scopo. È il caso del Royal Pavilion, a Brighton, in Inghilterra. L'immagine sopra queste righe mostra la sala principale nel 1915. Oltre a trovarsi in una città molto vicina alle coste del continente europeo, dove si combattevano la maggior parte delle battaglie, il luogo era enorme e offriva molteplici possibilità per accogliere i feriti. Vi furono collocati 730 letti e circa 2.300 soldati dell'esercito indiano ricevettero assistenza sanitaria. Dopo alcuni mesi di chiusura, fu riaperto nel 1916, questa volta per curare i soldati britannici che avevano subito un'amputazione. In questo luogo i reduci impararono anche a recuperare le abilità perdute a causa delle loro menomazioni.

Non perderti nessun articolo! Iscriviti alla newsletter settimanale di Storica!

Condividi

¿Deseas dejar de recibir las noticias más destacadas de Storica National Geographic?