Il giro del mondo con Nellie Bly

Il giro del mondo con Nellie Bly

Il giro del mondo con Nellie Bly

Foto: Pubblico dominio

Il gioco dell’oca riprodotto qui sopra è un tabellone pubblicato dal New York World per celebrare il record battuto dalla sua reporter Nellie Bly il 25 gennaio 1890: concludere il giro del mondo in settantadue giorni. Era la prima volta che qualcuno metteva alla prova il viaggio fittizio narrato dallo scrittore Jules Verne nel suo Il giro del mondo in 80 giorni, e a battere questo record immaginario fu nientemeno che una donna: la giornalista Elizabeth Jane Cochran, nota con lo pseudonimo Nellie Bly, che in quell’occasione divenne “la ragazza più famosa del mondo”. Il suo viaggio, finanziato da Joseph Pulitzer, il direttore del giornale per cui scriveva, fu seguito da milioni di lettori, che lessero quotidianamente gli articoli scritti durante la traversata – inclusa un’intervista allo stesso Jules Verne –, comprarono i biglietti della lotteria in cui si scommetteva sul giorno del suo ritorno a New York e l’accolsero a migliaia al suo arrivo al porto, oltre ad acquistare il succitato tabellone del “Giro del mondo con Nellie Bly”. Questa straordinaria reporter, all’epoca venticinquenne, non era nuova ai record: fu lei a inventare il giornalismo sotto copertura, che inaugurò nel 1887 facendosi internare per diversi giorni in un manicomio femminile al fine di rivelare le orribili condizioni in cui vivevano le pazienti. Il suo resoconto suscitò un tale scandalo da spingere lo stato di New York a riformare i suoi istituti. Negli anni successivi proseguì con le sue inchieste tra prigioni, fabbriche e ospedali, e fu anche corrispondente dal fronte durante la Prima guerra mondiale. Il New York Journal la definì “migliore reporter d’America”.

Condividi

¿Deseas dejar de recibir las noticias más destacadas de Storica National Geographic?