Pompei fu costruita con materiali riciclati

Gli scavi di Pompei ci hanno permesso di conoscere molti dettagli sulla vita quotidiana della città: tra le altre cose, di recente un team di studiosi ha dimostrato che i materiali di scarto venivano spesso utilizzati nella costruzione di edifici come materiale di riempimento

Nell'antica Roma i materiali per la costruzione erano molto preziosi, tanto che spesso venivano utilizzati anche materiali di scarto. Gli scavi a Pompei, sepolta dall'eruzione del Vesuvio nel 79 d.C., hanno portato alla luce qualcosa di più che edifici e spazi pubblici. In diversi punti della città sono stati rinvenuti mucchi di rifiuti, come ceramiche e gesso, che in seguito sono stati ritrovati anche nelle pareti degli edifici: secondo i ricercatori questo dimostra che il riciclaggio ricopriva un ruolo importante nelle città romane.

Localizzati a Pompei i resti di due uomini che fuggivano dalla furia del Vesuvio

Leggi anche

Localizzati i resti di due abitanti di Pompei

«Abbiamo scoperto che parte della città è stata costruita con i rifiuti. Le pile all’esterno delle pareti non erano materiale che veniva scaricato per lo smaltimento. Veniva raccolto e classificato per essere rivenduto all’interno delle mura». Questa è la conclusione alla quale è arrivata l'archeologa Allison Emmerson, dell'Università di Tulane e che collabora con un team dell'Università di Cincinnati per una ricerca nella città romana. All'interno di questi cumuli sono stati rinvenuti materiali di vario genere, fra cui pezzetti di ceramica e di vetro, appartenuti ad oggetti come anfore e piastrelle, insieme a resti ossei di animali macellati e consumati, ceneri e carbone e si prestavano più di altri materiali a essere riutilizzati come materiale di riempimento nella costruzione.

Parte della città è stata costruita con materiali di scarto: esistevano mucchi di rifiuti fuori dal perimetro della città, che poi si utilizzavano per riempire i muri

Non perderti nessun articolo! Iscriviti alla newsletter settimanale di Storica!

Fuori dalle mura di Pompei, ma anche al suo interno, nei pressi di edifici abitati, venivano accumulati mucchi di rifiuti. Secondo i ricercatori questi luoghi non erano discariche, ma spazi pensati per materiali che gli stessi abitanti pensavano di riutilizzare e volevano tenere a portata di mano. «I pompeiani vivevano molto più vicino all'immondizia di quello che oggi sarebbe considerato accettabile, non perché la città non disponesse delle infrastrutture o non si potesse gestire i residui, ma perché il loro sistema di organizzazione si basava su principi diversi», continua Emmerson.

Pompei: viaggio nella domus di Marco Lucrezio Frontone

Leggi anche

Pompei: la domus di Marco Lucrezio Frontone

4

Fotografías

Secondo la studiosa questo modello può insegnarci molto: «Quello che è diverso è il punto di vista [dei pompeiani] Noi ci concentriamo sull'eliminare [...] e solo dopo ci preoccupiamo che qualcuno ricicli alcuni materiali. Mentre i pompeiani conservavano questi rifiuti [...] per poi riutilizzarli non appena possibile». A Pompei insomma, la priorità era, senza dubbio, quella di riutilizzare i residui.

Se vuoi ricevere la nostra newsletter settimanale, iscriviti subito!

Condividi

¿Deseas dejar de recibir las noticias más destacadas de Storica National Geographic?