La scommessa che diede il via al boom del turismo

St. Moritz

St. Moritz

Foto: Bundesarchiv, Bild 102-10988

La città svizzera di St. Moritz è la mecca degli sport invernali. Questa località alpina ha ospitato due Olimpiadi invernali (nel 1928 e nel 1948) e quattro Campionati mondiali di sci alpino (nel 1934, 1974, 2003 e nel 2017) e vanta una lunga storia di sport invernali, che risale alla metà del XIX secolo. Tuttavia, l'origine di questo successo è a dir poco aneddotica.

Nel settembre del 1864 l'albergatore Caspar Badrutt ricevette nel suo hotel di St. Moritz un gruppo di turisti dell'alta società britannica e fece una scommessa con quattro di loro. Li invitò a tornare in inverno, cosa che agli inglesi non interessava particolarmente, visto che il freddo potevano trovarlo anche nel loro Paese. Badrutt fece loro una proposta per cui avrebbero comunque vinto qualcosa: s'impegnava a rimborsare tutte le spese di viaggio se non si fossero trovati bene; se invece avessero apprezzato St. Moritz in inverno ancor più che in estate, li avrebbe invitati a soggiornare gratuitamente nell'albergo come suoi ospiti.

L'intuizione di Badrutt non lo deluse: i turisti apprezzarono il paesaggio invernale e ancor di più lo sci e diffusero la notizia nell'alta società britannica. Nel giro di poco più di un decennio la città era piena di visitatori che venivano a godersi gli sport e le passeggiate a cavallo tra le foreste innevate. Dopo le Olimpiadi del 1928 divenne un luogo di pellegrinaggio per gli appassionati di sport invernali e una delle località di villeggiatura più esclusive d'Europa.

Condividi

¿Deseas dejar de recibir las noticias más destacadas de Storica National Geographic?