Scoperta in Egitto la "Città d'oro perduta"

Nei giorni scorsi il famoso egittologo Zahi Hawass ha annunciato il ritrovamento dei resti di una grande città industriale e amministrativa, la più grande scoperta fino ad oggi in Egitto, nei pressi di Luxor

La Città d'oro perduta, scoperta da Zahi Hawass e il suo team sulla sponda occidentale di Luxor

La Città d'oro perduta, scoperta da Zahi Hawass e il suo team sulla sponda occidentale di Luxor

Foto: Cordon Press

Una missione archeologica egiziana guidata dall'egittologo Zahi Hawass ha realizzato una scoperta sensazionale: un'antica città perduta a Luxor chiamata "l'Ascesa di Aton", scomparsa sotto le sabbie del deserto tremila anni fa. La città, che è stata soprannominata dagli archeologi la "Città d'oro perduta", risale al regno di Amenhotep III (1390-1353 a.C.), anche se sembra che sia stata frequentata durante i regni di Tutankhamon (1334-1324 a.C. ) e del suo successore Ay (1323-1320 a.C.).

«Molte spedizioni straniere hanno cercato questa città e non l'hanno mai trovata. Abbiamo iniziato il nostro lavoro alla ricerca del tempio funerario di Tutankhamon perché i templi di Horemheb e Ay sono stati scoperti in questa zona», ha dichiarato un esultante Hawass. La spedizione egiziana non si aspettava di trovare i resti della più grande città mai rinvenuta in Egitto, fondata da un faraone con uno dei regni più lunghi nella storia del Paese del Nilo, Amenhotep III, padre di Akhenaton, il famoso artefice della rivoluzione religiosa che impiantò in Egitto il culto di Aton, il disco solare.

Una grande città industriale e amministrativa

Da quanto si evince dai ritrovamenti, "l'Ascesa di Aton", situata sulla sponda occidentale del Nilo (dove sorgono le necropoli e i templi funerari dei monarchi), era il più grande insediamento amministrativo e industriale dell'Egitto. «Le strade della città sono fiancheggiate da case; alcune delle sue mura sono alte fino a tre metri. Possiamo rivelare che la città si estende a ovest fino alla famosa Deir el-Medina (la città dei costruttori delle tombe di la Valle dei Re)», spiega Hawass.

Resti di muri di mattoni nella città riportata alla luce di recente​

Resti di muri di mattoni nella città riportata alla luce di recente​

Foto: Cordon Press

Molti ricercatori sono rimasti assolutamente affascinati da questa scoperta. Ad esempio, Betsy Brian, professore di egittologia presso la John Hopkins University di Baltimora, negli Stati Uniti d'America, ha affermato che «la scoperta di questa città perduta è la seconda più importante in Egitto dopo quella della tomba di Tutankhamon. La "Città d'oro perduta" non solo ci fornirà una visione eccezionale della vita degli antichi egizi in uno dei più grandi momenti della loro storia, ma getterà anche nuova luce su uno dei più grandi misteri della storia: perché Akhenaton, insieme a sua moglie Nefertiti , decise di trasferirti ad Amarna?», chiede Brian.

La scoperta di questa città perduta è la seconda più importante in Egitto dopo quella della tomba di Tutankhamon, ha dichiarato l'egittologa Betsy Brian

L'obiettivo della missione archeologica egiziana in quest'area era quello di trovare il tempio funerario di Tutankhamon, poiché il suo successore, Ay, costruì il proprio tempio a Medinet Habu, in un luogo che in seguito avrebbe condiviso i confini del lato sud con il tempio di Ramses III. Gli egittologi ritengono che il tempio di Ay possa essere appartenuto in precedenza a Tutankhamon, poiché al suo interno furono trovate due statue colossali del faraone bambino. La parte settentrionale del tempio è ancora sepolta sotto la sabbia.

Vista generale degli scavi della "Città d'oro perduta"

Vista generale degli scavi della "Città d'oro perduta"

Foto: Cordon Press

Il team di Hawass ha concentrato gli scavi precisamente sull'area racchiusa tra il tempio di Ramses III a Medinet Habu e il tempio di Amenhotep III a Malqata. Gli scavi sono iniziati a settembre 2020 e nel giro di poche settimane, con grande sorpresa della squadra, dal nulla hanno iniziato ad apparire muri di mattoni di fango. Quella che alla fine hanno portato alla luce è stata una grande città in ottimo stato di conservazione, con mura quasi complete e stanze piene di strumenti di uso quotidiano.

Tre aree differenziate

Il primo obiettivo degli archeologi era quello di datare l'insediamento studiando le iscrizioni geroglifiche su alcuni coperchi di argilla di vasi di vino. Secondo alcunefonti affermano che la città era dotata di tre palazzi reali, oltre che di un grande centro amministrativo e industriale. Un gran numero di oggetti, come anelli, scarabei, vasi di ceramica colorata e mattoni di fango con sigilli a cartiglio del re Amenhotep III, scoperti durante gli scavi, hanno confermato la datazione.

Ceramica con un'iscrizione rinvenuta durante gli scavi

Ceramica con un'iscrizione rinvenuta durante gli scavi

Foto: Cordon Press

 

 

 

Dopo soli sette mesi di scavi, sono venute alla luce diverse aree o quartieri. Nella parte meridionale del sito la missione ha portato alla luce un panificio dotato di un'area per la cottura e la preparazione dei cibi, con forni e vasellame per la conservazione. Le sue grandi dimensioni suggeriscono che questa cucina potesse ospitare un gran numero di lavoratori e dipendenti.

La seconda area, ancora in fase di scavo, è il quartiere amministrativo e residenziale. È circondato da un muro a zig-zag, caratterizzato da un unico punto di accesso che conduce a corridoi interni e zone residenziali. Il fatto che questo quartiere abbia un solo ingresso suggerisce sicurezza; forse l'idea era quella di poter controllare gli ingressi e le uscite. Da parte sua, i muri a zig-zag sono un raro elemento architettonico nell'architettura dell'antico Egitto, che è stato utilizzato principalmente verso la fine della XVIII dinastia.

La seconda area, ancora in fase di scavo, è il quartiere amministrativo e residenziale. È circondata da un muro a zig-zag, che ha un unico punto di accesso che conduce a corridoi interni e zone residenziali

La terza area scavata è una zona industriale, costituita da un'area di produzione di mattoni di fango che servivano per costruire templi (i mattoni sono contrassegnati da timbri contenenti un cartiglio con il nome di re Amenhotep III). Vi sono stati trovati anche stampi da fonderia per realizzare amuleti ed elementi decorativi delicati. I ricercatori ritengono che questa sia un'ulteriore prova della grande attività che veniva svolta in città per produrre decorazioni di ogni genere sia per i templi che per le tombe.

Non perderti nessun articolo! Iscriviti alla newsletter settimanale di Storica!

Iscrizioni rivelatrici

In tutte le aree scavate gli archeologi hanno anche trovato numerosi strumenti utilizzati in alcuni tipi di attività industriali come la filatura e la tessitura. Sono stati riportati alla luce anche resti metallici e di vetro, sebbene l'area principale in cui si svolgeva tale attività non sia stata ancora localizzata. In una stanza sono stati trovati gli scheletri di un toro e di una mucca, così come pure i resti di una persona sepolta con le braccia tese lungo i fianchi e con i frammenti di una corda avvolti attorno alle ginocchia. La posizione e la posizione di questo scheletro è strana e gli egittologi sperano che il loro studio aiuterà a chiarirne il significato.

Scheletro umano localizzato durante gli scavi

Scheletro umano localizzato durante gli scavi

Foto: Cordon Press

Sono stati trovati anche i resti di una persona sepolta con le braccia tese lungo i fianchi e con i frammenti di una corda avvolti attorno alle ginocchia

Uno dei ritrovamenti più recenti è un recipiente che contiene una decina di chili di quella che sembra essere carne essiccata o bollita. Un'iscrizione sul contenitore recita: «Anno 37, carne preparata per la terza festa di Heb Sed, proveniente dal macello di Kha corral, lavorata dal macellaio Iuwy». Questa preziosa informazione non solo fornisce i nomi di due persone che vivevano e lavoravano nella città, ma conferma anche che questa era attiva durante il periodo di co-reggenza di Amenhotep III e di suo figlio Akhenaton.

Un altro ritrovamento interessante è un sigillo di argilla con un'iscrizione ancora leggibile: «gm pa Aton», che può essere tradotto come "il dominio dell'abbagliante Aton". È il nome di un tempio dedicato al disco solare che fu costruito da Akhenaton nel distretto di Karnak, a Tebe. Un anno dopo la fabbricazione di questo recipiente, la capitale fu abbandonata e la corte si trasferì ad Amarna. Ma le cose andarono davvero così? La città fu ripopolata quando Tutankhamon tornò a Tebe e ristabilì l'ortodossia religiosa? Forse futuri scavi potrebbero far luce su ciò che è realmente accaduto qui 3.500 anni fa.

Reperti archeologici rinvenuti nel corso degli scavi

Reperti archeologici rinvenuti nel corso degli scavi

Foto: Cordon Press

A nord dell'insediamento è stata scoperta anche una vasta necropoli, la cui estensione non è stata ancora determinata. Finora, la missione vi ha rinvenuto un gruppo di ipogei –tombe scavate nella montagna – di varie dimensioni, a cui è possibile accedere tramite scale scavate nella roccia, una caratteristica comune nella Valle dei Re e nell'area delle Tombe dei Nobili . C'è ancora molto lavoro da fare e Zahi Hawass spera di scoprire molte tombe intatte, piene di tesori ...

Se vuoi ricevere la nostra newsletter settimanale, iscriviti subito!

Condividi

¿Deseas dejar de recibir las noticias más destacadas de Storica National Geographic?