Storica 125

Pepi II, l’ultimo faraone della VI dinastia
Durante gli oltre sessant’anni del regno di Pepi II il ferreo controllo del faraone sul popolo egizio si deteriorò a favore dei governanti provinciali. Le fonti tramandano che alla sua morte il Paese piombò nel caos.
di ANTONIO PÉREZ LARGACHA

I sumeri e l’architettura di fango
La nascita e lo sviluppo delle prime città sumere avvenuti cinquemila anni fa sono strettamente connessi al fango, molto abbondante nelle pianure alluvionali della Bassa Mesopotamia grazie allo scorrere del Tigri e dell’Eufrate.
di FELIP MASÓ

 

Il sapere perduto dell’antichità
La Biblioteca di Alessandria non era un semplice deposito di papiri, ma un centro di attività culturale intorno a cui gravitavano eruditi e studiosi provenienti da tutti gli angoli del mondo.
di JUAN PABLO SÁNCHEZ

La scomparsa della cultura Rapa Nui
L’isola di Pasqua era un ecosistema perfetto, isolato dal resto del mondo da chilometri e chilometri di oceano. Fino a oggi il tracollo dell’isola si era attribuito all’eccessivo sfruttamento delle sue risorse da parte della popolazione autoctona, i rapa nui. Ma secondo alcune recenti teorie i diversi cambi climatici e lo sbarco sull’Isola di Pasqua degli europei contribuirono alla distruzione del mondo rapa nui.
di VALENTÍ RULL

Zela, il grande trionfo di Cesare
Giulio Cesare affrontò il re del Ponto Farnace II, colpevole di essersi impossessato della Cappadocia e della Galazia in assenza dei legittimi sovrani. Grazie a un’azione militare perfetta il generale romano mise a segno una delle sue vittorie più famose e per celebrarla coniò la frase «Veni, vidi, vici».
di ANDREA FREDIANI

L’altro volto di Lucrezia Borgia
La figlia di papa Alessandro VI è ricordata come una donna malvagia e opportunista. I suoi contemporanei la descrivono come una persona intelligente e dai modi gentili. Fu duchessa di Ferrara dal 1505 e amministrò la città con saggezza e benevolenza.
di MARIA PAOLA ZANOBONI

Vuoi essere sempre informato sulle iniziative di Storica? iscriviti subito